Glossario Informatico

[A][B][C][D][E][F][G][H][I][J][K][L][M][N][O][P][Q][R][S][T][U][V][W][X][Y][Z]

[A]

ADWARE: Sono programmi gratuiti o a costo quasi nullo che offrono i propri servizi presentando all’utente durante l’uso messaggi pubblicitari.

[B]

BACKUP: si traduce in copia di riserva o copia di sicurezza predisposta per prevenire la perdita totale o parziale dei dati archiviati e va a indicare l’operazione o la copia archiviata del “materiale informativo” su un qualsivoglia supporto di memorizzazione.

BIOS: alter ego di Basic Input-Output System. E’ una raccolta di istruzioni software per far interagire il sistema operatico o i programmi installati con le periferiche montate (schede esterne) o integrate nella scheda madre del computer. Queste istruzioni sono memorizzate all’interno di ROM o altre memorie non volatili integrate sempre nella scheda madre.

BLOG:Diario pubblico o privato online. E’ uno strumento tecnico, in genere un CMS che rende facile a chiunque la pubblicazione di contenuti, configurato da un utente per raccogliere contenuti unici e nuovi nel panorama della rete. Vengono usati dagli utenti per descrivere particolari esperienze/hobby/problemi o come veri e propri diari.

BLOGGERS: Colui che scrive per i blog. Importante figura che accresce il patrimonio culturare dellla rete. L’evoluzione della tecnologia e dei mezzi informatici non ha fatto scomparire questa figura che rimane preziosa per la continua pubblicazione di nuovo materiale sui social network e prodotti correlati.

[C]

CASE: è il telaio o struttura dove vengono installati i componenti principali del computer: scheda madre, nel caso altre schede (scheda audio, RAM, scheda di rete, scheda video, etc), drive (hard disk, lettore DVD, masterizzatore DVD, etc.), alimentatore e ventole/sistemi di raffreddamento.

CMS: Vedi Content Management System.

Content Management System: E’ uno strumento software, installato su un server web, il cui compito è facilitare la gestione dei contenuti di siti web, svincolando l’amministratore da conoscenze tecniche di programmazione Web..

[D]

DIGITAL DIVIDE: E’ la differenza tra chi può accedere alle tecnologie di informazione e chi no. I motivi di limitazione sono: istruzione, condizione economica, provenienza geografica, infrastrutture utilizzate e censura.

DOMINIO: in informatica si utilizza genericamente per alludere a qualsiasi entità logica accessibile nella rete. Il nome a dominio è intesoo come striga globalmente unica che va a associare uno o più host a una rete di IP.

DRIVER: è l’insieme di procedure, che permette ad un sistema operativo di governare un dispositivo hardware.

DECRESCITA INFORMATICA: vedi la pagina relativa alla definizione.

[E]

ETHERNET: E’ il protocollo standard di cavi e schede adibite a veloce collegamento tra computer, fra di loro di diverso tipo e dispositivi diversi a formare una rete locale.

[F]

FIRMWARE : Il firmware è un programma integrato in un componente elettronico (come un SSD, un ebook, etc) al fine di avviare il componente stesso e permettergli di interagire con altri componenti.

[G]

GOOGLE : Uno dei motori di ricerca di siti, pagine e informazioni su internet. E’ il più utilizzato e offre servizi ausiliari ai clienti/utenti.

GOOGLE ADSENSE: Programma per inserire nel proprio sito annunci appartenenti alla rete Google Adwords e guadagnare in base ai click ottenuti sugli stessi. Poco utile a livello di SEO..

GOOGLE ADWORDS: Sistema di pubblicazione di annunci a pagamento di Google. Gli annunci verranno visualizzati in base a target e spesa. Gli annunci compaiono nella sezione Link sponsorizzati di google e dei siti che partecipano al progetto AdSense.

GOOGLE ANALYTICS: Pannello di analisi dei dati web per poter calcolare il ROI dell’investimento pubblicitario e di monitorare posizione e salute di siti e applicazioni Flash, video e di social networking..

[H]

HARDWARE : è la componente fisica dei computer, dei router e di tutti i dispositivi elettronici in genere. (dall’inglese: HARD = duro, WARE = oggetto)

HDD : è un dispositivo di memoria di massa sul quale scrivere i dati (il sistema operativo, i programmi o i vari file). L’archiviazione avviene per mezzo di scrittura su dischi magnetici mediante puntina. (dall’inglese: HARD = duro, DISK= disco)

HOST : disambigua:
1. Spazio su server a pagamento collegato ad internet atto ad ospitare siti internet o servizi particolari. All’host è possibile associare un dominio.
Esistono server gratuiti ma a conti fatti il servizio scadente, la presenza di pubblicità o il dominio non personalizzabile li precludono ad una attività commerciale.
2. Server o Client collegato ad una rete che ospita servizi condivisi con altri host nella medesima rete.

HTML : HyperText Markup Language. E’ un liguaggio di markup utilizzato per formattare pagine con collegamenti ipertestuali e contenuto multimediale fruibili mediate internet (il World Widee Web). Mediante marcatori nel testo, definiti TAG, possiamo definire il comportamento e l’impaginazione del contenuto.

[I]

INDIRIZZO IP : Ogni computer utilizza un indirizzo per identificarsi in una rete, che sia locale o che sia internet, questo è l’indirizzo ip. E’ composta da 4 triplette di numeri variabili da 0 a 255 e su internet ad ogni server corrisponde un indirizzo ip. Grazie ai server DNS (Domain Name Server) avviene l’interpretazione da dominio (ad esempio: www.mionome.it) in indirizzo IP (188.154.025.002) a cui il nostro browser si collega per richiedere le pagine da visualizzare.

[J]
[K]
[L]
[M]

MAILING LIST : E’ un’indirizzo email legato ad un software installato su un server web che rispedisce, ad una lista di email configurabile e aggiornabile, ogni email inviata dagli utenti a questa data email. Coadiuva le discussioni virtuali.

MALWARE : con la parola malware vengono contraddistinti tutti quei software creati al solo scopo di danneggiare il sistema su cui viene eseguito in maniera più o meno grave. (MALWARE = Malicious + Software, Programma malvagio o in italiano codice maligno).

MOUSE : E’ una periferica di input collegata ad un computer o notebook. I mouse sono configurati per essere la trasposizione nella realtà del puntatore (o indicatore) sullo schermo. Lavora solo in una determinata area e interpreta il suo movimento affinché corrisponda un movimento identico del puntatore sullo schermo. I mouse sono forniti di uno o più tasti a cui assegnare funzioni personalizzabili.

[N]

NEWSLETTER : E’ un notiziario scritto o per immagini diffuso periodicamente per posta elettronica. E’ prevalentemente in formato HTML, che permette di gestire anche immagini, ma parte dell’utenza (stimata in circa il 10%,fonte wikipedia)) preferisce riceverla in formato testuale.

[O]

[P]

PLUGIN: Software scritto da terzi che aggiunge nuove funzionalità ad un CMS.

PROJECT MANAGER: E’ il responsabile unico della valutazione, pianificazione, realizzazione e controllo di un progetto multimediale.

[Q]
[R]

RAM: La memoria ad accesso casuale è un tipo di memoria informatica caratterizzata dal permettere l’accesso diretto con lo stesso tempo di accesso.
La memoria ad accesso casuale presenta tempi di accesso sensibilmente inferiori alle altre memorie motivo per cui è utilizzata come memoria primaria del sistema. (Random Access Memory). Nel corso degli anni si è evoluta aumentando di velocità e formato (SRAM, DRAM e SDRAM)

[S]

SEO: Search Engine Optimization o Ottimizzazione del sito. Tutte le attività sviluppate con l’intento di aumentare il volume di traffico verso un determinato sito internet dai vari motori di ricerca.

SERP: la Search Engine Result Page è la pagina restituita dal motore di ricerca una volta che è stato interrogato in merito ad una data parola chiave. In google vengono restituiti dieci risultati per pagina. L’utenza visiona mediamente le prime 10/20 posizioni.

SITO INTERNET: Vedi web site.

SOFTWARE: sono le informazioni utilizzate da uno o più sistemi informatici (come un computer, un palmare, etc) e memorizzate sopra supporti informatici (hard disk, chiavette usb). Queste informazioni sono quindi rappresentate come programmi o come base di dati o in combinazione tra le due (i vari programmi Adobe o Microsoft sono un esempio).

SPYWARE: è un particolare software maligno creato per raccogliere informazioni riguardo all’attività online dell’utente bersaglio senza alcun suo consenso. Queste informazioni vengono inviate telematicamente a terzi che le utilizzeranno per profitto (campagne di marketing, statistiche di massa e pubblicità mirata).

SSD: State Solid Disk. E’ un disco allo stato solido, che funziona in maniera diversa dai normali Hard Disk. E’ la stessa tecnologia utilizzata nelle chiavette USB, ha dei limiti al numero di scritture effettuabili, ma offre una velocità di tre volte superiore ai normali hard disk. Conviene installarvi sopra il sistema operativo e mantenere i dati su hard disk normali.

[T]

TOUCHPAD: è una periferica di input integrata nella maggior parte dei notebook. Permette di spostare il puntatore sul monitor traducendo i movimenti del dito o delle dita dell’utente sulla sua superficie simulando i movimenti del mouse.

TROJAN: E’ un software maligno della categoria dei malware che utilizza un programma all’apparenza utile per nascondere le sue funzioni maligne.

[U]

UPS: Gruppo di continuità, fornito di batterie e circuito atto a prevenire gli sbalzi di tensione. Previene i danni che possono avvenire a seguito di blackout della rete elettrica in computer, router e periferiche alimentate tramite rete.

USB: Interfaccia ad alta velocità per periferiche digitali. Solitamente viene utilizzata, con gli opportuni adattatori microUSB o mini USB a telecamere, webcam, stampanti, hdd esterni, tastiere, mouse, cellulari, etc. (Universal Serial Bus)

[V]

VIRUS : è un software, scritto da un virus writer, che eseguito infetta i file in modo da moltiplicarsi creando copie di se stesso, cercando di non farsi rilevare dall’utente e dagli antivirus. Appartiene alla categoria dei Malware.

[W]

WEB SITE pagine web (pagine html o pagine dimaniche) legate fra di loro con collegamenti ipertestuali e ospitate su un dominio presenti su un determinato host. Mediante un web server vengono fornite agli utenti che le richiedono per mezzo di client definiti browser come Chrome, Firefox, Internet Explorer e Safari. Le pagine rispondono ad un determinato url o a un dato indirizzo IP

WEB 1.0: anni 1990 – 2000. Definizione e creazione dei primi standard per il web e diffusione tra gli utenti. Organizzazione dei contenuti mediante motori di ricerca, directory e siti web. L’HTML, il linguaggio di pubblicazione delle pagine web si evolve dall’1 al 4, passando dalla versione 3 e 3.4 . Vengono introdotti i Cascading Style Sheet o CSS e si incomincia a dividere il contenuto della pagina dalle regole di impaginazione.

WEB 2.0: anni 2000 – 2010. L’evoluzione delle tecnologie permette a chiunque di inserire contenuto, classificarlo e organizzarlo e distribuirlo con facilità mediante internet. A questo fine nascono prima i blog creando l’importante figura del bloggers (utente che pubblica su blog, poi estesa a tutte le restanti categorie). L’HTML passa dalla versione 4 alla 5, l’importante innovazione sono le tecnologie volte all’impaginazione dei contenuti grafica e piacevole alla vista (con AJAX e CSS3) e l’introduzione della logica “responsive” ossia adatto per qualunque dispositivo mobile.

WEB 3.0: anni 2010 – 2020. Il passaggio al web 3.0 segna l’introduzione al “web semantico”. Finalmente si incomincia a dare importanza ai contenuti piuttosto che alla tecnica, questo fattore ha un lato negativo: lo studio di nuove tecnologie volte alla cattura dei dati degli utenti per incominciare a localizzare gli utenti. I motori di ricerca danno peso alle pagine oltre che per come sono costruite a livello tecnico per i contenuti scritti all’interno privilegiando quelli unici e non una mera ripetizione di parole chiave volte a migliorare soltanto l’indicizzazione del sito.

WORM : è un software della categoria di malware in grado di autoreplicarsi. A parte l’uso di risorse del sistema, a volte quasi totale, provoca danni solo nel caso ospiti programmi di keylogger o Backdoor. A differenza dei virus non necessita di eseguibili a cui legarsi per propagarsi.

[X]

XML : è un linguaggio di markup (eXtensible Markup Language) utilizzato per creare documenti facili da diffondere e visualizzare su quasi tutti i dispositivi portatili (computer, ebook, smartphone, tablet, palmari) senza fare distinzioni di sistema operativo. E’ una delle evoluzioni dell’HTML.

[Y]

YAHOO : è un motore di ricerca come google, uno tra i primi a livello internazionale. E’ strutturato a directory e nell’ultimo tempo è diventato meno popolare, in particolare dopo l’estremo sviluppo di google.

[Z]

ZIP : è un formato di file compresso con algoritmo Lempel-Ziv 1. E’ integrato nelle ultime versioni di Windows, per i file di grosse dimensioni molti su piattaforma windows utilizzano la compressione di tipo RAR in alcuni casi più performante.

Condividi e consiglia questo articolo!

    3 pensieri su “Glossario Informatico

    1. Pingback: Uno dei problemi in Italia è la burocrazia | RI.DO.PC. Riparazione Personal Computer

    2. Pingback: Blackout a Torino nella sera del 27 maggio 2013. Cosa succede? | RI.DO.PC. Riparazione Personal Computer

    3. Pingback: Google e gli ultimi aggiornamenti | RI.DO.PC. Riparazione Personal Computer

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *